10 libri (non classici) che -secondo me- vale la pena leggere pt.2

ta-dà!
ecco la seconda parte dell’elenco dei 10 libri che, sono sicura (come no, certo), aspettavate con ansia (non fatevela addosso, mi raccomando).

Posizione numero 5
CHRISTOPHER MOORE con Il Vangelo Secondo Biff 
devo dire una cosa di questo libro: è bello in modo assurdo.
mi ha fatto piangere, commuovere, ridere, sospirare, divertire. mi ha fatto tanta compagnia.
e vi chiederete: come fa una trasposizione del vangelo a fare una cosa simile?
eh, come fa.
allora, intanto Biff va letto non solo con la testa, ma anche con il cuore.
Moore ha questa particolarità: tratta i suoi personaggi con una tenerezza infinita e lo fa perché li ama. nonostante tutto ciò a cui li sottopone.
e io credo sia l’unico scrittore al mondo in grado di amare i suoi personaggi e scrivere libri fantastici. il perché, poi, ve lo spiego un’altra volta.
poi, insomma, io ho smesso da tempo di credere nelle religioni, soprattutto nel Cristianesimo.
ma c’è da dire che sono sempre stata certa che Gesù fosse stato una persona notevole.
sicuramente non come ci viene descritto canonicamente. ma non ho alcun dubbio a proposito del fatto che sia stato davvero affascinante.
questo libro è un’interpretazione tutta nuova dei Vangeli: la vità di Gesù che non viene mai raccontata da nessuno, ovvero dai 13 ai 30 anni. quelli che non conosciamo. quelli che non ci hanno mai detto. quelli che nessuno ha mai -evidentemente- considerato importanti.
e invece.
secondo me è un’interpretazione davvero bella e piena di ottimismo. e, di questi tempi, l’ottimismo serve.
poi, anche se il finale si conosce, di certo non ci si aspetta come vada a finire. davvero.
ricordatevi sempre che qui il protagonista è Biff, non Gesù.
e, infine, Biff.
Biff è un altro di quei personaggi della mia “letteratura personale” che non puoi non amare.
ti innamori e basta, non c’è altro da fare.
lo vorresti come migliore amico anche tu, ecco tutto.
forse anche qualcosa di più, diciamo.
e io a Christopher Moore ci amo. non solo questo, ma tutti i suoi libri (o per lo meno, quelli letti finora). però non immaginate nemmeno un po’ quanto mi manchi Biff, ogni giorno. oh.

Posizione n° 4
DANIÈL PENNAC con la Saga dei Malausséne
qui non posso parlare di un solo libro, ma devo per forza inserire tutta la saga.
spiego.
la “Saga dei Malausséne” si compone di 6 libri. i cui titoli sono
Il Paradiso degli Orchi
La Fata Carabina
La Prosivendola
Signor Malausséne
La Passione secondo Thérese
Ultime Notizie dalla Famiglia
non vi spiego la trama di ogni libro, vi dico solo che tutti i libri esistono uno in funzione dell’altro e che uno non può esistere senza l’altro.
certo, è possibile leggerli indipendentemente, nessuno lo vieta.
ma si tratta di una storia che continua e che va avanti un episodio alla volta.
leggere un libro a caso vuol dire perdersi tutto quello che è successo prima e tutto quello che succederà dopo.
i Malausséne sono una famiglia. la famiglia migliore che si potrebbe desiderare.
il capofamiglia è Benjamìn, di mestiere CAPRO ESPIATORIO. sì, leggete bene. un uomo che per vivere si prende la colpa al posto degli altri.
e già questa cosa, da sola, dovrebbe bastare a spingervi a leggere tutto.
ma non finisce qui.
ogni personaggio della famiglia “allargata” ha un suo perché. ogni componente ha qualcosa da raccontare.
e i caratteri sono assolutamente affascinanti. così belli che vorresti veramente andare a Belleville a conoscerli. se non altro per passare un po’ di tempo con loro, mangiare un cous cous da Hadouch, o accompagnare il Piccolo e Jerèmy a scuola, fare qualche foto con la bellissima Clara e farsi leggere la mano dalla spigolosa Thérese.
non posso rimettermi a scrivere troppo dei personaggi che comincio a piangere, in preda alla nostalgia.
il mondo dei Malausséne è un mondo meraviglioso, che ha ogni volta un guaio da risolvere.
soprattutto perché, ogni volta, inspiegabilmente, i guai si concentrano attorno a Benjamìn, che li attira peggio di una calamita.
i Malausséne sono tutti fratelli, con una madre che non c’è mai e ognuno un padre diverso, ignoto.
la mamma arriva incinta, sforna un pargolo e lo lascia da crescere al resto della famiglia. poi scompare.
attenzione: non è così terribile come sembra.
ma non è nemmeno solo questo.
i Malausséne diventano la tua famiglia, se solo glielo permetti. se hai bisogno d’amore, loro te lo danno e nemmeno te ne accorgi. e non chiedono niente in cambio. gli viene naturale.
e mi sono ritrovata a piangere come un vitello in più punti, senza riuscire a controllarmi.
fortuna che è successo sempre in occasioni in cui ero sola e nessuno mi avrebbe visto.
avvertenza: anche questi sono libri -si dice- per adolescenti. ma sono sicura che anche i grandi li possano apprezzare senza problemi.
dopotutto le storie sono belle e ben costruite, di colpi di scena ce ne sono molti. e il bambino che è in voi vi ringrazierà.

Posizione n° 3
CARLOS RUIZ ZAFÓN con L’Ombra del Vento
anche Zafòn è considerato uno scrittore per ragazzi.
ed effettivamente chi conosce il resto dei suoi scritti, potrà rendersi conto che, in parte, è così.
ma questo libro è un po’ più speciale rispetto agli altri.
so che ha avuto un grosso momento di notorietà nel periodo in cui io l’ho letto.
e, infatti, mi è arrivato tramite un lungo “passa parola”.
ovviamente, anche se non mi fido mai dei fenomeni che esplodono in questo modo, non avrei mai potuto tralasciare di leggere un libro con un titolo così.
inoltre, l’ambientazione è Barcellona. una delle città più belle che abbia mai visto. una delle città dove ho lasciato un pezzo del mio cuore.
questa storia, poi, mi ha catturato subito perché comincia proprio con uno strano cimitero: il cimitero dei libri dimenticati.
e, proprio da un libro, si dipana la vicenda. ed è grazie a un libro che Daniel -il protagonista- affronta una serie interminabile di avventure, attraversando tutta Barcellona. una storia al cardiopalma, per cercare qualcosa e per salvarsi da qualcosa.
Daniel crescerà, conoscendo la vera amicizia, la rabbia, la passione, il vero amore.
per me è stato un viaggio incredibile.
come essere risucchiati in un vortice dal quale sembra non si possa uscire mai. e non si vuole uscire mai.
per me L’Ombra del Vento ha significato molto.
è uno tra i primi libri a cui sono riuscita davvero ad affezionarmi. ed è uno dei libri che mi ha fatto capire quanto potevo amarli, i libri.

in 2° posizione
J. K. ROWLING con La Saga di Harry Potter
sì, lo so. sono una persona banale, monotona e scontata.
ma ho i miei buoni motivi.
la saga di Harry Potter, che si compone di 7 titoli, è una delle cose più belle che mi siano mai capitate nella vita.
non credo di aver bisogno di raccontare qualcosa della trama o di nominare uno per uno i titoli della serie.
li conosciamo tutti. e anche se non ci fosse ancora qualcuno che li conosce, beh. che li vada a cercare su wikipedia. perché mi sentirei davvero ridicola a rispiegare e riscrivere tutto.
insomma, diciamo che Harry Potter è una delle cose più mainstream che credo esistano sulla faccia della terra.
e un po’ è anche questo il bello.
voglio dire: la cara J.K. è una che non era nessuno.
poi, un bel giorno, si trovava nella disperazione più nera e ha detto “perché non scrivere un po’, per dimenticare il dolore?”. e, beh. ha solo inventato UN MONDO INTERO pieno di cose meravigliose.
ed è diventata una delle donne più ricche e più famose del pianeta.
così. solo per aver creato un maghetto un po’ strano che sconfigge il male assoluto grazie ai suoi amici.
SOLO. certo.
la Rowling è il mio idolo. assoluto.
se potessi scegliere una sola donna a cui assomigliare su tutta la terra, sceglierei lei.
lei passerà alla storia grazie al fatto di aver creato qualcosa di incredibile (sempre soggettivamente parlando, eh).
e poi lo farà comunque perché, sapete, ha una voce con il suo nome nell’OXFORD DICTIONARY OF ENGLISH. qualcosa vorrà pur dire, questo.
poi, insomma, mi ha regalato più ore di gioia lei, nella lettura di Harry Potter, che qualsiasi altro divertimento esistente.
ci sono poche cose che posso paragonare all’euforia che mi procurava l’uscita di un nuovo libro di Harry Potter.
e a chi crede che esageri, posso solo dire che non mi conosce abbastanza bene.
nei libri di Harry Potter c’è tutto.
compreso l’incontenibile desiderio di entrare a far parte di quel mondo anche tu. di poter essere un mago e studiare a Hogwarts. e di combattere la guerra contro Voldemort insieme a tutti gli altri. morendo, anche, se necessario.
nei libri di Harry Potter c’è l’amore, la famiglia, l’amicizia, la morte, la guerra, legami indissolubili e insegnamenti indimenticabili.
quanto ho pianto. di gioia e di dolore (sì, sì. proprio dolore!).
Harry Potter non è una storia -solo- per bambini. tanto che nella cara Englandia hanno creato pure le edizioni per adulti!
cos’altro posso dire? un libro in grado di dare tutto questo, merita solo di essere amato. nient’altro.

e, in conclusione, alla posizione n° 1
ALESSANDRO BARICCO con il suo Oceano Mare
ecco.
adesso ci saranno un milione di persone pronte a dirmi «ommioddio, ma sei pazza? quello è uno stronzo maledetto che si crede stocazzo e, in fondo, anche uno scrittore mediocre».
perfetto. sono d’accordissimo con voi. ma non su tutti i punti.
sono sicura che Baricco non sia assolutamente una bella persona. ma questa è una cosa che mi tocca? non direi.
a me interessa quello che scrive. e, quello che scrive, mi è -quasi sempre- piaciuto (tutti possono sbagliare. a parte la Rowling. lei no. non sbaglia mai. fin’ora).
non sto certamente dicendo che Baricco sia Conan Doyle, o Swift o Orwell o chessòio.
sto solo dicendo che è uno scrittore che mi piace molto.
credo, in prima analisi, che il suo modo di scrivere sia molto particolare e, di certo, può non piacere a tutti.
è una di quelle cose che o si odia o si ama.
ecco. io lo amo.
trovo anche che abbia una leggerezza fuori del comune nell’inventare sia i personaggi, che le vicende che essi vivono. sebbene non siano sempre piacevoli.
poi, insomma, ognuno ha i suoi gusti.
Oceano Mare è il mio libro preferito da quando avevo 17 anni. e nessun libro lo ha ancora superato.
giuro che leggo ogni cosa che prendo con il cuore e la mente aperti a 360 gradi. e sono pronta a mettere un altro libro al primo posto nella mia classifica personale, in qualsiasi momento.
ma non sono ancora riuscita a trovarne uno che possa occupare questa posizione qui.
Oceano Mare raggruppa una serie di “casi umani” in una locanda sul mare.
bene. il mare è il mio posto preferito. e, ogni tanto, un “caso umano” mi ci sento anch’io.
c’è la follia di Elisewin. c’è la ricerca disperata dell’amore da parte di Bartleboom (di gran lunga il personaggio più dolce che io abbia mai incontrato in tutta la letteratura affrontata finora). c’è l’eccentricità del pittore Plasson. la delicatezza dei due bimbi gestori della locanda. la bellezza misteriosa di Madame Deverià. e il mare che li accomuna. talvolta visto come amico e guaritore, talvolta come nemico distruttore, talvolta come strana entità da studiare.
ho amato questo libro bevendolo dalla prima all’ultima pagina.
e non ho mai trovato niente di così confortevole su cui posare le membra, gli occhi, la testa e il cuore.
una poesia che lega una serie infinita di imperfezioni e che, leggendo, ti fa sentire meno solo.
per lo meno a me.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...