TEORIA DELLO SPAZZOLINO DA DENTI

In questo ultimo mese ho imparato molte cose.
una di queste è la “TEORIA DELLO SPAZZOLINO DA DENTI” che proverò a spiegarvi brevemente e in modo semplice.

tutto parte dalla casa.
dunque.
intanto c’è da dire che andare a vivere da soli comporta non pochi rischi e qualche difficoltà (ma questa è un’altra storia. e se la racconterò lo farò in separata sede e in un separato momento).
accertato questo, ci sono delle considerazioni da fare.
andare a vivere da soli dispone, essendo persone simili a me e al mio modo di vedere le cose, a un certo tipo di disponibilità ad ospitare.
avendo per sé una casa intera, non ci sono problemi a permettere a qualcuno di restare per una notte a dormire.
(una notte o più, questo è arbitrario)
ora, il livello di difficoltà sale, quando oltre a vivere da soli e disporre di un’intera casa tutta per sé, si smette di essere single.
in questo caso è molto probabile cominciare ad avere un ospite fisso, anche per più di un giorno solo a settimana.
perfetto.

ora, è bene ricordare che si può scegliere -ovviamente- se questo ospite fisso debba rimanere tale (ovvero solo un ospite), oppure diventare qualcosa di più (tipo un convivente).
come si decidono certe cose?
ci sono 2 modi per farlo.
1- se ne parla.
il rapporto va avanti un po’ di tempo, l’ospite e l’ospitante stanno bene insieme e decidono di comune accordo di cominciare una convivenza.
2- le cose accadono gradualmente finché è impossibile porvi rimedio.
(e in questo caso non è detto che debba essere per forza una cosa negativa)
o meglio, un rimedio c’è, basta tornare al punto 1.
misurare la gradualità di queste cose è possibile per capire fino a che punto si è arrivati. per farlo, c’è un’unità di misura molto semplice ed efficace, nonché infallibile.

ed è qui che subentra la nostra “TEORIA DELLO SPAZZOLINO DA DENTI”
che è possibile enunciare in questo modo:

«quando vedi che lui/lei comincia a lasciare lo spazzolino in casa tua, è il primo segno di accollo pesante»
(dove la parola ‘accollo’ sta per ‘appoggio pesante e prolungato, senza soluzione di continuità’)

già, perché lo spazzolino sta a significare che:
A- per lui/lei è sempre possibile rimanere da te, dato che ha tutte le possibilità di lavarsi e affrontare nuovamente una giornata senza dover passare prima per casa sua.
B- lui/lei può in qualsiasi luogo, in qualsiasi situazione e in qualsiasi momento, decidere di restare.
C- poco preavviso ti impedisce di prepararti psicologicamente alla cosa, lasciandoti col culo per terra di fronte alle eventualità.
D- questo vuol dire che lui/lei ha preso talmente confidenza con te e la tua casa che la considera quasi come una sua seconda casa, se non come la sua casa stessa.

tutto chiaro?
bene.
perché possiamo andare avanti e chiarire altri punti fondamentali.
sì, perché a volte, questa teoria, non è l’applicazione per la soluzione di un problema; bensì la creazione del problema stesso.

a questo punto è utile farsi delle domande.
siete soli in casa. la vostra casa.
andate in bagno.
guardate lo spazzolino.
selezionate i pensieri che vi vengono in mente e capite quali sono.
• lo spazzolino non vostro nel vostro bagno vi crea panico, ansia, paura, senso di soffocamento, tremolio, gambe molli, colorito verdognolo, orrore, vomito, psicosi, fobie varie, capogiri, voglia di fuggire nel posto più lontano del mondo, voglia di lanciarlo il più lontano possibile?
se la risposta è “sì” fermatevi e respirate.
è chiaro che non siete pronti.
PARLATENE E CHIARITE CON LUI/LEI LE VOSTRE INTENZIONI.
•lo spazzolino in bagno non vi crea alcuna delle situazioni elencate precedentemente.
d’accordo.
non allarmatevi.
anche questo è perfettamente normale.
potete andare al punto 1 e risolvere tutti i vostri dubbi e problemi.
•non vi va bene il punto 1, ma la cosa vi crea un piacevole solletico alla pancia, aria nella testa e sorrisi ebeti?
va bene lo stesso.
continuate così.
può andare bene.

Annunci

  1. Valentina

    Ma io che ho tipo…3/4 spazzolini da denti lasciati a casa sua a Lugano, e nella casa in Liguria, e a destra e a sinistra, sono grave grave grave?!!

  2. rebecca

    E se sono io a volere il suo spazzolino in casa mia? Sono io che glielo “regalo”… Si piglia uno bello spavento, ahaha!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...