CRONACHE DALL’UFFICIO

1. Mattina, appena aperto l’ufficio. Entra una vecchina piccola piccola e mi guarda con gli occhi sgranati.
«che cercava signora? La ASL?»
gli occhi della vecchina si fanno più grandi, mi guarda: «che è la ASL questa?»
«no signora…» sorriso
«e che è qua?» le diventano gli occhi ancora più grandi, possibilmente.
«è uno studio di doppiaggio» un altro sorriso, più rassicurante (a nascondere un velo di panico)
Ormai gli occhi della vecchina le occupano tutta la faccia, rimane solo uno spazietto dal quale spunta una bocca piccolina, aperta.
Pausa.
Panico.
Ci guardiamo con fare dubbioso. Poi lei finalmente rompe l’imbarazzo: «e la questura? Dove sta la questura? Non é la questura questa?»
Respiro e mi sgonfio, finalmente: «no signora, per la questura deve andare un po’ più giù»
Gli occhi della vecchina ritornano normali: «aaaah!»

2. Pranzo. Guardiamo Misfits. Io ho i Postumi del raffreddore. Ogni volta che mi soffio il naso ci metto circa 2-3 minuti per smettere. E il rumore annesso non é cosí carino.
Collega1: «ma che c’hai la sgracia?»
– “sgracia”? What’s “sgracia”? –
Collega2: «secondo me ce nasconni le cose dentro a quer naso»
Io: «è questo il potere che mi ha dato la tempesta»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...